IMG 4716

Bollicine sotto le stelle con Ballabio, Ca’ di Frara e Monsupello

Un debutto in grande stile per “Bollicine Sotto Le Stelle”, il nuovo format ideato e organizzato da Mabedo, nell’incantevole cornice del cortile del Castello di San Gaudenzio della famiglia Bergaglio, a Cervesina. Venerdì 24 giugno protagoniste della cena-degustazione le bollicine Pinot nero Metodo Classico di Ballabio (Casteggio), Ca’ di Frara (Mornico Losana) e Monsupello (Torricella Verzate), in abbinamento a un menu speciale creato per l’occasione dallo chef Mauro Ridolfi.

IMG_4750

IMG_4699

IMG_4701

È stato il direttore del Castello, Maurizio Marcone, ad aprire la serata con un saluto di benvenuto che poi lasciato posto alle delizie in tavola. Si è partiti con tre speciali antipasti: piccola torta salata alle cozze e peperoni rossi; millefoglie croccante di pasta brisé, salmone marinato e pesto di rucola; Makisushi di riso selvaggio, crema di patate e pesce spada affumicato. Poi il primo piatto: maccheroncini al pettine, crema di zucchine, i suoi fiori, vongole veraci e bottarga. Di secondo scaloppa di branzino avvolta nelle melanzane, dadolata di pomodoro, olive e burrata Campana. Per chiudere in bellezza è arrivato il dessert: clafoutisse alle fragole con gelato al fior di latte.

IMG_4715

IMG_4719

IMG_4706

Una serata per celebrare tre aziende spumantistiche di fama nazionale che fanno della ricerca, dalla vigna alla bottiglia, il loro tratto distintivo. Gli spumanti Metodo Classico dell’Oltrepò Pavese serviti nel corso della serata a un pubblico altamente selezionato sono la poesia del Pinot nero delle colline dell’Oltrepò Pavese, coltivato su una superficie di 3mila ettari. La zona di produzione delle uve destinate all’elaborazione di questo pregiato spumante comprende la fascia vitivinicola collinare dell’Oltrepò Pavese. I primi impianti di Pinot nero risalgono al 1850 a opera del Conte Carlo Giorgi di Vistarino, che nel 1865 a Rocca de’ Giorgi spumantizza, per la prima volta in Italia, con il Metodo Classico. La tradizione è continuata fino ad oggi con il riconoscimento, a livello nazionale, dell’Oltrepò quale territorio d’eccellenza per la produzione di spumante Metodo Classico da uve Pinot nero. Di qui la scelta di Mabedo di celebrare questa eccellenza, che è identità territoriale, nel corso di una serie di appuntamenti molto curati e pensati per un pubblico che in un calice cerca piacevolezza, finezza e cultura.

IMG_4755