FullSizeRender4

Il trionfo dei sapori da Charlot

  • Blog

È l’ora di pranzo del 12 gennaio 2016 e, nel corso di un’uscita in Oltrepò, decido di passare dall’amico Roberto Venturi per augurargli Buon Anno e farmi raccontare quali sono le novità del 2016 al Ristorante Charlot.
Roberto mi accoglie come sempre nel migliore dei modi, con un trattamento da vero principe, e mi mette subito a mio agio ospitandomi nel suo bellissimo ristorante.
Il menu che mi presenta è originale e ricco di colpi di scena, oltre che prelibato. Ogni piatto è una delizia per il palato e in ogni ricetta si può sentire il gusto genuino delle materie prime di ottima qualità che Roberto utilizza. Dall’antipasto al secondo, è un’escalation di profumi e sapori che vi invito ancora una volta a provare assolutamente.

aragostina

La prima portata è una cruditè di Aragostina Tristan dell’Atlantico, con sale nero delle Hawaii: freschissima e molto gustosa. In accompagnamento, Roberto ci propone un ottimo Ronchi di Cialla “Sol” Picolit del 2002. Una bottiglia rara e pregiatissima, un bianco intenso di cui ne esistono solo 672 esemplari (quella offerta da Roberto è la numero 647) del produttore friulano Ronchi di Cialla, Azienda Agricola della famiglia Rapuzzi.

vino

Primo piatto, le linguine di Gragnano con riduzione di nettare di pomodoro, bottarga di Muggine, Zest d’arancia e granella di Cucunci, da leccarsi i baffi.

linguine

Come ultima portata, Roberto ci fa assaporare una prelibatissima scaloppa di Foie Gras con marmellatina all’arancia e castagne caramellate al Picolit.

fois-gras

Un pranzo così riesce davvero a soddisfare tutti i sensi, la conferma che Roberto si merita il titolo di Maestro in tutto e per tutto.
Alla prossima visita da Charlot!