CLASSIFICA CAMPIONATO SERIE C GOLD LOMBARDIA

Squadra

Vinte   

Perse   

Punti   

Edimes Pavia Basket 24 1 48
Winterass Pavia 22 3 44
Nuova Pall.Vigevano 18 7 36
7 Laghi Gazzada Schianno 15 10 30
Milano tre Basket 14 11 28
Robur Basket Saronno 13 12 26
Nervianese 1919 13 12 26
Team Battaglia Mortara 13 12 26
Virtus Cermenate 10 15 20
O.S.L. Garbagnate 10 15 20
Pall. Milano 1958 9 16 18
Opera Basket Club 7 18 14
Valceresio Arcisate 4 21 8
Cistellum Cislago 3 22 6

 

PROSSIMO TURNO

1 Turno Playoff Serie C Gold
Winterass Omnia Pavia – Carpe Diem Calolziocorte
Sabato 22 Aprile ore 20:30
PalaRavizza, Pavia

playoff


I verdetti dell’ultima giornata – La Provincia Pavese del 9 Aprile 2017
Chiusura con tre ko, vince solo Mortara
Nell’ultima giornata della regular season perdono Edimes, Winterass e Vigevano. Expo Inox ai play off da 7ª

La regular season della C Gold si chiude con una triplice sconfitta per le pavesi: la seconda del campionato per la Edimes, in casa di una più motivata Nervianese (81-64); il ko interno di Vigevano, che contro Cermenate paga un inizio drammatico e nonostante lo sforzo profuso nella parte restante di gara non riesce a recuperare il terreno perduto(finale 53-61); la battuta d’arresto, pure questa in casa, della Winterass contro MilanoTre (72-76). Sconfitte tutte indolori per Edimes, ForEnergy e Winterass, che nulla modificano in termini di posizioni finali ma che comunque fanno suonare un piccolo campanelo d’allarme in chiave play off. Fa invece il suo dovere Mortara, superando largamente Arcisate (97-72), ma in virtù dei risultati sugli altri campi non migliora la posizione in classifica, che resta la settima. Ai play off dunque incontrerà Olginate. Senza storia la gara della Expo Inox di ieri sera: Boffini, Kam, Cattaneo e Reali (rispettivamente autori di 24, 23, 21 e 17 punti) non danno scampo ad Arcisate, penultima e già certa di andare ai play out per la salvezza. A Vigevano comincia malissimo per la ForEnergy che chiude il primo quarto con un terribile 7-24 contro Cermenate. Nel secondo periodo però è un’altra partita, in difesa i ducali concedono poco agli ospiti e poco alla volta, grazie anche a un paio di triple di Tessitore al momento giusto, il quintetto di Simone Bianchi comincia a recuperare terreno chiudendo metà gara su un ben più digeribile -7 (28-35). Vigevano prosegue la rimonta, si porta a -3 ma con la tripla mancata di Venturelli sfuma l’aggancio proprio alla fine del terzo periodo, che invece Cermenate chiude a +5 con il canestro di Anzivino nell’ultima azione offensiva. Nell’ultimo quarto la distanza non si colma e Cermenate riesce a mantenere le distanze chiudendo a +8.​Tra Winterass e MilanoTre va in scena una gara che si gioca sul filo dell’equilibrio. Cugini rientra alla grande (alla fine saranno 21 i punti per lui, con 14 rimbalzi totali) ma non bastano a evitare una sconfitta che matura proprio nell’ultimo periodo, dopo che la Winterass al termine del terzo quarto era riuscita a mettere il naso davanti.​Equilibrio per tre quarti di gara anche a Nerviano, dove i padroni di casa scappano nel secondo periodo ma vengono quasi ripresi nel terzo quarto dalla Edimes che Degrada (che risulterà alla fine il miglior realizzatore con 17 punti) riporta sotto. Ma nel quarto periodo Nerviano prende il largo e chiude con un ampio vantaggio (81-64)

>

TABELLINI Winterass Omnia Basket Pavia – Milano 3 Basket Basiglio


Winterass Omnia Basket Pavia – Milano 3 Basket Basiglio 72 – 76 Parziali 17-17, 36-30, 53-53, 72-76

Winterass Omnia Basket Pavia : Pairone 8, Cardellini 0, Cugini 21, Cristelli 9, Infanti 11, Gay 8, Campeggi 1, Vai ne, Pavone 12, Zandalasini 2. All. Celè

Milano 3 Basket Basiglio: Giocondo 29, Iacono 8, Tandoi 2, Arioli 8, Capella 2, Delmenico 0, Manzoni 4, Bianchi 0, Bonora 0, Mori 8, Colombo 15. All. Pugliese


Tre quarti dominati dalla Virtus Cermenate non bastano: la Winterass vince ancora!

Apre la partita Anzivino per i padroni di casa, che appoggia 6 punti al vetro in mezzo all’area. Dall’altra parte risponde da tre punti e senza paura Stefano Vai, il giovane del settore giovanile HYC. Celè ferma tutto al terzo minuto sull’ 8-3 per la Virtus. La squadra in maglia bianca sembra più reattiva e arriva su tutti i rimbalzi offensivi e Longoni trova due punti, buttando letteralmente per aria il pallone. Il finale del primo quarto è favorevole alla squadra di Grassi: 19-14. Il secondo quarto vede protagonista il capitano di Cermenate, Papatolo, che mette a segno tre triple e allarga il divario tra le due formazioni: al 20’ Cermenate conduce meritatamente 33-25, con la Winterass che non riesce ad approfittare della confusione di fine secondo quarto per ricucire qualche punto. Pavone dopo un contatto nel primo quarto, non è disponibile e Cristelli è costretto a straordinari: la situazione non cambia nella ripresa; la partita non è bella, piena di errori al tiro su entrambi i fronti ma spicca l’atleticità di Ukaegbu (14 pti e 14 rimbalzi). L’Omnia si riavvicina a fine quarto grazie ai canestri di Pairone e Zandalasini: è 45-40 al 30’. L’ultimo periodo è tutto di stampo Winterass Omnia Pavia: Cristelli impatta a quota 45 e Anzivino fa 0/2 dalla lunetta al 34’. Dario Gay dà il primo vantaggio alla Winterass, con un canestro da due punti. Ukaegbu appoggia il 47-47 al 35’. Il finale è per deboli di cuore: prima Pellizzoni colpisce da tre per Cermenate dopo un canestro di Infanti, ma quest’ultimo non ci sta e spara due triple siderali, che portano l’inerzia della partita dalla parte dei ragazzi di Celè (55-50 al 38’). Pellizzoni segna da due a un minuto dal termine ma ormai la gara è segnata: dalla lunetta arriva un’altra vittoria anche se sofferta. In settimana continuerà la preparazione atletica in vista dei playoffs, agli ordini del preparatore Tomarchio. Ultimo impegno di stagione regolare contro lo Sporting Milano 3, in casa, sabato 8 Aprile alle ore 21.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

TABELLINI Virtus Cermenate – Winterass Omnia Basket Pavia

Virtus Cermenate – Winterass Omnia Basket Pavia 54 – 58 Parziali 19-14, 33-25, 45-40, 54-58

Virtus Cermenate : Bianchi 4, Pellizzoni 5, Longoni 2, Broggi 6, Anzivino 11, Tornari 0, Fontana ne, Villa 0, Galasso ne, Ukaegbu 14, Papatolo 9, Ballarate 3. All. Grassi

Winterass Omnia Basket Pavia : Pairone 9, Vai 3, Cardellini 8, Cristelli 8, Infanti 16, Gay 4, Campeggi 0, Pavone 0, Zandalasini 10. All. Celè


Vincere aiuta a vincere…in vista i playoff: in volata la Winterass sbanca Nerviano

La Winterass vince al fotofinish contro la Maleco Nerviano. La gioia del capitano Zandalasini a fine gara è palpabile: ringrazia personalmente i tifosi, accorsi numerosamente alla palestra di Nerviano. L’inizio dei ragazzi di Celè non è stato dei migliori: Nerviano ha dimostrato ancora una volta di essere una squadra pericolosa, con tanti buoni giovani e i due interessantissimi Corno e Di Rauso, che tengono a galla i padroni di casa, orfani del playmaker Gatto. Partono subito alla grande i ragazzi in maglia bianca, con Di Rauso che ne mette 13 con 6/6 da due in 10 min. Pavia risponde con l’altro totem Pavone, poco coadiuvato dal resto della squadra: è 26-15 alla prima sirena. Nel secondo quarto Pavia sfrutta qualche buco difensivo con le penetrazioni di Cardellini ma il distacco aumenta: Nerviano sorprendentemente va al riposo sul 41-29. Urge un cambiamento nell’atteggiamento della squadra, troppo distratta e fallosa. Celè ritrova il migliore Infanti nella ripresa e insieme al capitano Zandalasini e al miglior Cardellini della stagione, firmano il 24-14 di parziale per l’Omnia, che si trova a contatto al 30’ (55-53). La gara è nervosa e ci sono contatti forti da una parte e dall’altra: Infanti si carica la squadra sulle spalle e la spinge alla vittoria con canestri pesanti e assist, Cardellini sbaglia veramente poco. Dopo il 66-66, la maggior freddezza e lucidità dei ragazzi di Celè ha la meglio sull’ultimo tentativo di rimonta della squadra di Morganti; finisce 74-78, Mattia Cardellini MVP dell’incontro con 33 di valutazione. Sabato prossimo trasferta alle 21 in quel di Cermenate, squadra comasca. Potrebbe essere l’occasione per sperimentare nuove idee tattiche in vista dei playoffs.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

basket
La Winterass (in maglia nera Nerviano per differenziare da quella bianca) espugna Nerviano e continua la striscia vincente

 

TABELLINI Nervianese 1919 – Winterass Omnia Pavia

Nervianese 1919 – Winterass Omnia Basket Pavia 74 – 78

Parziali 26-15, 41-29, 55-53, 74-78

Nervianese 1919 : Peroni 4, Croci 13, Corno 14, Di Rauso 21, Frontini 2, Gatto ne, Guidi 7, Pelusi 6, Frattini, Perego, Bonissi ne, Bandera 7. All. Morganti

Winterass Omnia Pavia : Cardellini 26, Pavone 13, Cristelli 7, Infanti 17, Zandalasini 11, Gay 2, Pairone ne, Campeggi 2, Vai. All. Celè


Acciaccati ma mai domi: 2° Posto matematico conquistato dalla Winterass!

Pavia deve fare fronte al minutaggio ridotto di Cardellini e l’assenza di Pairone, oltre al lungodegente Tava. La vittoria di Mortara contro Vigevano fornisce il primo match ball per la conquista matematica del secondo posto. Opera fa capire di avere migliorato qualcosa rispetto al girone d’andata, con l’inserimento di Iurato, che dimostra di essere un giocatore valido. La partita è a punteggio alto e prevalgono gli attacchi sulle difese: l’Omnia ne segna 32 nei primi 10’, con Pavone decisivo sotto le plance, che fa a sportellate contro il lungo in maglia verde Velardo. Cardellini e Campeggi mettono due triple, di cui quella del playmaker da 9 metri: sicuramente un segnale incoraggiante per una partita che anche nei minuti successivi si incanala verso la squadra di Celè. La fisicità del centro di Nizza Monferrato è la chiave per allungare il divario mentre Gay è ispirato in attacco: al termine del terzo quarto sono 21 i punti di vantaggio per la Winterass (62-41). Il punticino messo a segno dal giovane Rochlitzer fa esultare il PalaRavizza e qualche minuto concesso al giovane Vai permette di fare rifiatare chi ha giocato di più: seconda posizione matematica in griglia playoff che ci farà affrontare la settima del girone B. Maleco Nerviano – Winterass Omnia Basket Pavia sarà in programma Domenica 26 Marzo alle ore 18.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

TABELLINI Winterass Omnia Basket Pavia – Opera Basket Club

Winterass Omnia Basket Pavia – Opera Basket Club 78 – 50 Parziali 32-22, 44-30, 62-39, 78-50

Winterass Omnia Basket Pavia : Gay 11, Pavone 18, Cristelli 7, Infanti 15, Zandalasini 12, Pairone ne, Campeggi 7, Vai 0, Cardellini 7, Rochlitzer 1. All. Celè

Opera Basket Club: Cappellari Alberto 2, Galati 9, Vercesi 4, Iurato 13, Velardo 7, Maffezzoli 2, Rao , Gurioli 2, Cappellari Andrea 5, De Francesco 0, Piva 6. All. Tritto


Si può pensare a completare l’Opera: Garbagnate KO

Coach Cele’ aveva parlato chiaro in settimana: Garbagnate può essere pericolosa perché ha qualità nei singoli. Con tenacia e seppur penalizzati dall’assenza di Bosio, i padroni di casa hanno messo alle spalle l’Omnia partendo forte nel primo quarto: Pavone con 6 punti tiene a galla i suoi, con i compagni che non sembrano seguirlo: 21-13 a favore della squadra di Marrapodi, meritatamente avanti. L’ingranaggio e la tattica dei padroni di casa iniziano ad incepparsi ad inizio secondo quarto: l’ingresso di Cristelli e la presenza continua di Pavone sotto le plance assicurano alla Winterass il primo vantaggio (27-28). Infanti è l’uomo a cui l’Omnia affida i possessi decisivi: si chiude il quarto sul 37-34 per Pavia. Serve una partenza super per indirizzare l’incontro verso i pavesi: due triple di Nico Pairone portano la Winterass sul +9, finalmente tonica e reattiva come piace ai tifosi sugli spalti, più o meno una trentina che hanno seguito la squadra di Cele’ al palaRonchi. Inizia una fase nervosa del match e piena di falli tecnici, che portano l’Omnia sul +20 a fine terzo quarto. Cele’ deve tenere alta la tensione dei suoi ragazzi, che forti del vantaggio acquisito, sentono di avere chiuso la gara. Cosa che fu mai così sbagliata, perché un po’ con le penetrazioni di Allegri e un po’ con i canestri di Mangiapane, lo scarto si riduce: al 35′ sono 12 i punti di differenza. Le energie vengono a mancare sul finale e con due liberi di Allegri, Garbagnate arriva al -8. 74-68 il finale per i ragazzi di Cele’, che ritrova un reattivo Pavone e i punti di Pairone. Fondamentale tenere alta l’intensità in settimana per non sottovalutare l’impegno casalingo contro Opera.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

unnamed (1)

 

TABELLINI Osl Resistor Garbagnate – Winterass Omnia Basket Pavia

Osl Resistor Garbagnate – Winterass
Omnia Basket Pavia 66- 74

Parziali 21-13, 34-37, 45-65, 66-74

Osl Resistor Garbagnate : Tedoldi 0, Tonella 0, Arui 15, Cappellotto 12, Allegri 13, Mangiapane 11, Caffarra 2, Moretti 9, Riboli 2, Ripamonti 2, Cantale Aeo ne. All. Marrapodi

strong>Winterass Omnia Basket Pavia : Pairone 16, Cardellini 5, Pavone 16, Infanti 21, Zandalasini 0, Gay 6, Campeggi 1, Vai 0, Cristelli 9. All. Celè



La Winterass non piazza la zampata e Vigevano la spunta nella volata finale

Il derby di Pavia, tesissimo, si risolve in volata a favore dei gialloblu, allenati da Simone Bianchi. Gialloblu che hanno il merito di essere più costanti durante i quaranta minuti e di trovare i canestri dall’arco nella ripresa (7/11 da tre nei secondi venti di gioco). La Winterass non può disporre di Lorenzo Cugini, fermato dalla FIP nella strana vicenda che sta coinvolgendo gli stranieri che giocano nei campionati dilettantistici. La partita si apre con un parziale di 9-2 per gli ospiti, trascinati da un Venturelli da 7 punti; la risposta dell’Omnia non si fa attendere e arriva dalle triple di Infanti, letteralmente incontenibile nei primi venti minuti di gioco. Zandalasini regala a Pavia il primo vantaggio sul 18-17 ma Pozzi è ispirato: il primo quarto si chiude 23-24 per Vigevano. Pairone realizza gli unici suoi due punti ad inizio secondo quarto e sempre con Infanti, la Winterass mette la testa avanti. Bianchi chiama timeout e i suoi reagiscono: Venturelli e Tessitore riportano in vantaggio gli ospiti al 12’. Nella bagarre di sorpassi e controsorpassi, i ragazzi di Celè riescono a mettere a segno un parziale di 17-6 con le triple di Cardellini e Infanti, che ha già 22 punti a bottino alla sirena di metà gara. Il punteggio al 20’ è 47-41 per la Winterass. La ripresa si apre con le triple di Pozzi che rispondono al +7 Omnia; Venturelli pareggia dalla lunetta dopo il tecnico fischiato a Cardellini. Un solido Colombo regala il +4 a Vigevano, prima che Pozzi si faccia fischiare un tecnico: Pavia rientra ancora e al 30’ è situazione di perfetta parità: 59-59. Il napoletano Tessitore è l’arma in più dei ducali e da oltre l’arco piazza due triple mortifere, di cui una di tabella. Gay replica con la solita grinta a 3’30’’ dal termine, realizzando un 2+1 che riporta la perfetta parità a quota 66. Il finale è rovente, Pavia arriva stanca e poco lucida. Pavone fa 0/2 ai liberi e Vigevano non sbaglia i liberi con Mossi e il solito Venturelli. Cristelli, Cardellini e Infanti permettono di mantenere la differenza canestri a favore dell’Omnia in caso di eventuale arrivo in parità al termine della stagione. Finisce 74-78 per i ducali, che hanno dimostrato, per una domenica, di avere più lucidità nei momenti chiave dei pavesi. Domenica prossima impegno in trasferta in quel di Garbagnate, alle 18 e 30. Partita da non sottovalutare per ripartire spediti verso la qualificazione ai playoffs.

Federico Deplano

Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

unnamed (1)
Grande cornice di pubblico per il derby con Vigevano: stimate almeno 1500 persone! Spettacolo sulle tribune!
Winterass Omnia Basket Pavia – Nuova Pall. Vigevano 1955
Winterass Omnia Basket Pavia – Nuova Pall. Vigevano 1955 74 – 78 Parziali 23-24, 47-41, 59-59, 74-78

Winterass Omnia Basket Pavia : Pairone 2, Campeggi 2, Cardellini 13, Pavone 5, Infanti 28, Gay 6, Vai ne, Cristelli 11, Zandalasini 7, Rochlitzer ne. All. Celè

Nuova Pall. Vigevano 1955 : Grugnetti 8, Strotz 8, Venturelli 21, Tessitore 16, Pozzi 11, Mossi 10, Appendini, Martinoli ne, Torruiani ne, Pavanello, Colombo 4. All. Bianchi


Winterass dilaga contro Pall.Milano 1958: 61-81

L’impegno che poteva risultare ostico si rivela alla fine meno complicato del previsto: c’è stata partita solo fino alla fine primo quarto; apre Infanti le marcature con 4 punti consecutivi dopo un errore di Cugini. Buono il secondo tentativo dalla media per l’americano di Stow. 2 falli subito per Ale Infanti e Nico Pairone dopo 4 min di gioco che rimangono comunque in campo. L’ala argentina, dalla lunetta allunga, 8-6. Il contropiede lanciato da Pairone permette a Cardellini di segnare dalla media. Un rimbalzo in attacco di Saccà, nell’azione successiva ai padroni di casa di accorciare 11-12, prima che Gay segni due liberi. 11-16 è il punteggio alla conclusione del primo quarto. Coach Cattaneo tenta di riaprire la gara dei suoi ragazzi improvvisando una scenata che porta alla sua espulsione. Purtroppo per lui, ottiene l’effetto contrario e la Winterass infila un 33-8 di parziale mortifero, opera di tante conclusioni dalla distanza di un sempre più ispirato Cardellini e di Cugini. Dario Gay trova 12 punti nella sua partita e Zandalasini colpisce con un semigancio destro dal centro dall’area. È 19-49 all’intervallo lungo e la partita è già chiusa dopo due quarti a favore dei ragazzi in maglia blu. Cele’ può sperimentare un po’ inserendo Campeggi e il giovane Vai, che danno fiato e grinta quando sono chiamati in causa. I milanesi trovano qualche punto dai suoi giocatori migliori, Bazzoli e Stipcic, a buoi già ampiamente scappati. Il giovane Vai, classe 2000 di scuola HYC, trova una tripla da 7 metri abbondanti dopo avere sbagliato i suoi primi 5 tentativi in C Gold. È festa per tutti, soprattutto per Michele Campeggi, che ha compiuto 32 anni. La Winterass si regala così una settimana di allenamenti tranquilla che culminerà nel derby casalingo di Domenica 5 Marzo alle ore 18 contro Vigevano.
Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

20170226_183800
20170226_192828
La Winterass arriverà nelle migliori condizioni al derby di Domenica 5 Marzo contro Vigevano

TABELLINI Pallacanestro Milano – Winterass Omnia Basket Pavia

Pallacanestro Milano – Winterass Omnia Basket Pavia 61 – 81

Parziali 11-16, 19-49, 44-72, 61-81

Pallacanestro Milano : Bazzoli 12, Pizzul 10, Saccà 19, Stipcic 15, Reali 2, Cattaneo T. 0, Bertoglio ne, Bellotti ne, Magnaghi 1, Soldati ne, Pezzati 2, Trezzi ne. All. D. Cattaneo

Winterass Omnia Basket Pavia :
Pairone 7, Cardellini 23, Cugini 17, Pavone 4, Infanti 7, Gay 12, Campeggi 0, Vai 3, Cristelli 0, Zandalasini 8. All. Celè

20170226_175934



Mortara raccoglie solo elogi, la Winterass anche i due punti: altra vittoria pesante!

La partita si preannunciava difficile e così è stata: Mortara è un’ ottima squadra, con tre elementi tecnicamente molto validi, l’ex Cattaneo, il lungo Jovic e il play Boffini, che hanno messo in seria difficoltà i ragazzi di Celè. Il contributo della panchina però sorride alla Winterass, che può permettere di inserire un Cristelli sempre più concreto e leader carismatico della squadra. Cugini mostra tutto il suo talento, combinando 33 punti e 14 rimbalzi, risultando un’enigma da risolvere per tutto il match per la squadra di Zanellati. Parte forte la Winterass che si porta sul 19-8 al quarto minuto, grazie allo splendido inizio di Pairone e Cugini che combinano ben 17 punti e costringono al primo timeout Zanellati. Kam, con la sua intensità prima e un momento di blackout Omnia dopo, permettono a Mortara di chiudere 25-21 il primo quarto. Boffini fa capire subito di essere in serata con due triple siderali mentre i ragazzi in maglia bianca non sono precisi da oltre l’arco: i gialloblù sorpassano e si portano in vantaggio 35-37 all’intervallo lungo, grazie ai 14 di Boffini e al lavoro interno di Jovic. La ripresa inizia un po’ in sordina per i padroni di casa, che non trovano la via del canestro per i primi tre minuti, salvo poi essere guidati dal concretissimo Cugini, che serve prima Pavone e poi aggiunge a tabellino punti di ottima tecnica. La partita si fa nervosa e fisica; Boffini impatta a quota 55 a metà quarto quarto, ma Cardellini e Infanti ci sono nel momento del bisogno: insieme a Cristelli, confezionano un vantaggio di cinque punti a un minuto dal termine. Il montenegrino Jovic e Brandini da tre spaventano il PalaRavizza ma Infanti non trema a cronometro fermo: è 75-73 finale per la Winterass, che domenica prossima è attesa dall’insidiosa trasferta di Milano, contro la Pallacanestro Milano 1958. Continuare la striscia di vittorie è fondamentale per arrivare bene alla settimana pre-derby contro Vigevano.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

unnamed (1)
Vittoria di squadra per la Winterass, che resiste ai vari tentativi di sorpasso di Mortara!

TABELLINI Winterass Omnia Basket Pavia – Basket Team Battaglia

Winterass Omnia Basket Pavia – Basket Team Battaglia 75 – 73
Parziali 25-21, 35-37, 52-47, 75-73

Winterass Omnia Basket Pavia: Pairone 12, Cardellini 8, Cugini 33, Pavone 6, Infanti 8, Gay 0, Campeggi 0, Vai ne, Cristelli 8, Zandalasini 0. All. Celè

Basket Team Battaglia: Bossi 0, Cattaneo 14, Jovic 14, Kam 10, Boffini 28, Mezza ne, Reali ne, Brandini 3, Ferretti 4, Invernizzi ne. All. Zanellati


La Winterass mostra i muscoli contro una buona Saronno: prosegue la striscia positiva!

I ragazzi di coach Celè conducono per lunghi tratti la gara e portano a casa una vittoria importantissima, vitale per mantenere la seconda posizione in classifica. La Robur, migliorata dai recenti innesti di Novati e Danelutti, riesce a rimanere sempre in partita grazie alle percentuali da oltre l’arco (11/19 da tre) e parte subito a mille all’ora: apre il jumper di Ale Infanti e segue poi Cardellini; Cacciani scalda subito la mano da dietro l’arco portando la Robur avanti al quarto minuto. Cugini viene gravato presto di due falli e l’allenatore pavese decide di rimpiazzarlo con Zandalasini; il capitano, insieme a Cristelli (che alza un grande alley-oop a Pairone), costruisce dalla panchina il parziale di 11-2 che indirizza il primo quarto verso la fazione pavese, che conduce 27-15 al termine del primo quarto. I rimbalzi in attacco tengono a contatto Saronno ma è sempre Cardellini a colpire dalla lunga distanza all’apertura del quarto: Zennaro e Di Meco rispondono dall’altro lato del campo. Si scatena poi Davide Cristelli, che sfrutta lo scarso minutaggio di Pavone per sfoderare una partita a tutto tondo: assist, rimbalzi e canestri che segnano il 48-33 del 20′. La ripresa inizia con la schiacciata di Pairone e sembra essere tutta in discesa per la Winterass. Non è così, perchè la Robur infila un parzialone di 17-2 che riapre alla grande la contesa al 27′ (52-50 per Pavia). Cardellini mette 4 punti fondamentali e insieme a Cristelli confeziona il +4 di fine terzo quarto (60-56). L’ultimo quarto vede protagonista Cugini, che riesce, con qualche soluzione individuale a portare l’Omnia sul +11 al 35′. I soliti Gurioli e Zennaro tengono a -3 i padroni di casa al 37′, prima che Infanti infili i 5 punti decisivi per l’esito del match. E’ 81-74 il risultato finale e si può iniziare a pensare al prossimo impegno casalingo contro Mortara, un derby contro una squadra piena di talento individuale, che arriva da una due sconfitte contro Edimes e Gazzada.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

20170211_221639
Prova di maturita’ della Winterass che espugna meritatamente Saronno

TABELLINI Robur Saronno – Winterass Omnia Basket Pavia

Robur Saronno – Winterass Omnia Basket Pavia 74 – 81

Parziali 15-27, 33-48, 56-60, 74-81

Robur Saronno : Furlanetto 5, pasinato ne, Santambrogio ne, Zennaro 11, Cacciani 9, Leva 1, Di Meco 12, Gurioli 19, Novati 4, Guffanti 2, Danelutti 3. All. Crugnola

Winterass Omnia Basket Pavia : Gay, Zandalasini 10, Pairone 9, Campeggi, Vai ne, Cardellini 13, Cugini 12, Pavone 2, Cristelli 17, Infanti 18. All. Celè

strong> INTERVISTA a Cristelli

Una grande prestazione di Davide Cristelli ha guidato la Winterass alla vittoria contro la Robur Saronno. Nei momenti di difficoltà del match, il veterano ha messo in mostra tutta la sua classe, risultando un vero enigma da risolvere per i padroni di casa. L’addetto stampa Winterass Federico Deplano gli ha rivolto qualche domanda dopo la partita.

FD: “Davide, vittoria importantissima per mantenere il secondo posto. La Robur ci ha messo in seria difficoltà. Cosa ha permesso di risolvere a nostro favore la contesa?”

DC: “Il coach ci aveva detto che Saronno era in un ottimo momento e sicuramente una squadra diversa e più motivata rispetto all’andata. Il campo ne ha dato conferma, sono stati bravi a non mollare mai anche nei momenti in cui abbiamo allargato il divario. Noi meno a mantenerlo ma bravi sicuramente a non disunirci. Dobbiamo incominciare a capire che non tutte le partite si vincono di 30 punti segnandone sempre 100…ora entriamo in una fase in cui chiunque venderà cara la pelle per entrare nei playoffs piuttosto che evitare i play out o la retrocessione.”

FD: “Le ultime due settimane sono state difficili: prima l’infortunio a Edo Tava poi un po’ di problemi di salute che hanno colpito il gruppo. Il gruppo è solido e la vittoria di sabato ne è la conferma.”

DC: “Mi spiace molto per Edo perché si stava ritagliando il suo giusto spazio in una squadra lunga e questo per un giovane non è mai facile…gli infortuni o i malanni di stagione vanno e vengono. Chi è sano deve alzare l’asticella della concentrazione per superare questi momenti e con uno sforzo in più da parte di ognuno tutto si può risolvere.”

FD: “Quando vedi Saronno sfoderi sempre grandi prestazioni: è solo un caso? Il buon lavoro nelle amichevoli settimanali si vede poi in campo, dove ognuno si impegna al massimo anche quando un compagno incontra delle difficoltà.”

DC: “Bella domanda, me lo hanno chiesto anche quelli di Saronno…io cerco sempre di fare la cosa più utile alla squadra per raggiungere la vittoria. Non mi importa cosa debba fare in ogni singola partita. Questo sabato è andata cosi, domenica prossima si vedrà. E’ la forza della nostra squadra in fondo. Ognuno ogni domenica può essere protagonista…basta solo lavorare per essere pronti e avere pazienza. Zandalasini ne è stata la dimostrazione sabato sera, uscendo dalla panca con un plus minus di 26.”

FD: “Domenica arriva Mortara, squadra esperta proveniente dalla Serie B e piena di talento individuale dei singoli. Nella partita di andata avevate mostrato una delle migliori prestazioni di tutto il girone. Come si batte nuovamente la squadra di Zanellati?

DC:” Con Mortara è un derby, quindi le motivazioni non ci mancheranno sicuramente. Hanno un notevole potenziale offensivo, sarà importante partire tosti in difesa per non farli entrare in ritmo. Sfruttando le nostre maggiori rotazioni per essere sempre brillanti atleticamente soprattutto in difesa.”

FD: “Personalmente ti senti soddisfatto del tuo rendimento fino ad oggi? Con Celè c’è un confronto continuo in campo e fuori.”

DC: “Il mio rendimento coincide con quello della squadra, quindi non posso che reputarmi più che soddisfatto avendo perso 2 partite in 5 mesi…ma non dobbiamo dimenticarci che non abbiamo fatto ancora nulla da poterci autoelogiare. Gli elogi li faremo a Maggio se tutto andrà bene…con Marco cerchiamo di avere un rapporto di collaborazione, rispettando sempre i ruoli. Non posso che dire di essere più che soddifatto della scelta fatta ad Agosto, dopo una lunga chiaccherata fatta con lui e Baudino!”

cristelli


Una acciaccata Winterass combatte contro un’ostica Gazzada e vince con merito

In una partita combattuta e caratterizzata dalle non perfette condizioni dei giocatori Winterass (Pairone al rientro dopo 2 settimane, Zandalasini e Infanti senza allenamenti nella settimana causa influenza), emerge la voglia di portare a casa altri due punti. A metà settimana Edoardo Tava si è infortunato gravemente al ginocchio e conclude sfortunatamente la sua stagione sportiva. Al giocatore tortonese vanno i nostri migliori auguri e la speranza di un recupero più breve possibile. Veniamo al match, che si apre con un 7-0 griffato Cugini e Infanti. Sin dai primi possessi si capisce che sarà una partita dura e che le difese non sempre avranno la meglio sugli attacchi. I liberi e la presenza di Moraghi (che dimostra ampiamente le ottime statistiche stagionali) tengono sempre a galla Gazzada, che chiude con solo 2 punti di scarto (26-24). Cardellini e il giocatore dell’Ohio sono già a quota 11 punti personali. Celè vuole avere di più dalla sua difesa e inserisce Campeggi e Zandalasini. Dario Gay è il solito funambolo e si guadagna il fallo antisportivo di Terzaghi, inutilmente provocatorio e troppo nervoso durante tutto il match. Pavone viene limitato dai falli, fischiati solo contro la Winterass da una coppia arbitrale troppo permalosa (33 falli a 13 alla fine della gara) ma quando c’è, si prende due punti e due liberi. Ma cosa più importante, gasa i suoi compagni verso il parziale di 12-3 che permettono alla Winterass di chiudere all’intervallo lungo 49-38. Qualche palla persa di troppo e delle soluzioni affrettate in attacco danno l’occasione di rientrare agli ospiti, sospinti sempre dal super Moraghi e dai liberi di Terzaghi. La tripla del capitano pavese Zandalasini permette di finire il terzo quarto a +9 (64-55). Pronti via e nel quarto quarto la Winterass è già gravata di 4 falli di squadra al 32’, che infiammano il pubblico pavese. I signori in grigio non sono clementi con la panchina pavese che al 34’ si vede fischiato il terzo fallo tecnico, che avvicina ulteriormente Gazzada (70-63). Nei momenti cruciali del match sale in cattedra la maggior qualità ed esperienza dei singoli: la tripla di Infanti e il canestro dall’angolo di Cugini chiudono le ostilità sull’80-72 per Pavia. Migliori in campo il trio formato da Cardellini, Cugini e Gay. Per Gazzada non basta il 17+17 rimbalzi di Moraghi.
Settimana prossima la Winterass sarà impegnata in quel di Saronno, contro una Robur che si è recentemente rinforzata e ha perso solo in volata, all’overtime, l’ultima sfida contro Milano3. Sabato alle ore 21 ci sarà un altro banco di prova importante per i ragazzi di coach Celè, che dovranno recuperare energie in settimana per allungare ancora in classifica.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Basket Omnia Pavia

unnamed
Ale Infanti lancia il contropiede: il suo carisma risulterà decisivo nella vittoria

TABELLINI Winterass Omnia Basket Pavia – Laghi Gazzada Schianno

Omnia Basket Pavia – 7 Laghi Gazzada Schianno 80 – 72

Parziali 26-24, 49-38, 64-55, 80-72

Winterass Omnia Pavia : Gay 7, Zandalasini 5, Pairone 6, Campeggi, Vai ne, Cardellini 15, Cugini 21, Pavone 7, Cristelli 8, Infanti 11. All. Celè

7 Laghi Gazzada Schianno : Bologna ne, Bellotti 13, Passerini 9, Vescovi, Lenotti, Somaschini 11, Hamadi, Moraghi 17, Terzaghi 22, Mattiolo ne. All. Zambelli


ARCISATE NON E’ UN PROBLEMA: LA WINTERASS ESPUGNA IL CAMPO DI MALNATE

La Winterass batte Valceresio Arcisate e mantiene i sei punti di vantaggio sulla terza posizione occupata da Vigevano. Un parziale di 7-2 porta la formazione di Marco Celè avanti nel punteggio, con Cardellini protagonista nel primo tempo con 7 punti e 5 assist. Cristelli con una tripla e una schiacciata, Edo Tava e Infanti collaborano al +18 di metà partita. Arcisate tira male da tre punti nei primi due quarti (solo 16%) e l’Omnia la punisce sia sotto le plance ( 60% da due) che oltre l’arco (45%). Cugini ne segna anche lui 11 portando la Winterass a segnare 48 punti nei primi venti minuti di gioco. Nella ripresa l’Omnia entra troppo rilassata sul terreno di gioco e dopo due punti dell’americano di Stow, subisce un parziale di 9-0 a favore dei padroni di casa che riaprono la contesa. Il capitano Zandalasini respinge il tentativo di rimonta con una tripla e dopo due falli tecnici fischiati, uno per parte, il terzo quarto si chiude con un rassicurante 49-67 a favore dei ragazzi pavesi. Gli ultimi 10 minuti vedono protagonisti più membri della panchina, che ben hanno figurato contro una Valceresio Arcisate che ci ha provato finché ha potuto. Finisce 62-89 per l’Omnia, che potrà preparare la partita contro Gazzada cercando di recuperare quanto prima anche Nicolas Pairone, ancora a riposo per infortunio.

Winterass Omnia Pavia : Campeggi 4, Cardellini 7, Cugini 17, Pavone 8, Infanti 17, Gay 7, Tava 8, Pairone ne, Cristelli 7, Zandalasini 14. All. Celè

Federico Deplano
Addetto stampa Winterass Omnia Pavia

unnamed (6)
Pavone contende il rimbalzo sotto le plance

INTERVISTA a Cugini

Da “La Provincia Pavese – Video”


I RAGAZZI WINTERASS RISPONDONO PRESENTE: ORA SONO 6 I PUNTI DI VANTAGGIO SUL TERZO POSTO
L’Omnia mostra tutta la sua superiorità tecnica contro una Cistellum Cislago che prova a tenersi in partita fino alla fine del terzo periodo di gioco. Pronti via e subito il totem Pavone è costretto a farsi cucire 3 punti sul volto per un contatto fortuito con Malberti. Nico Pairone rimane a riposo e proseguirà il suo lavoro fisioterapico con lo staff StandUp per recuperare prima possibile dall’infortunio alla caviglia. Lorenzo Cugini ci tiene a fare bene vista la presenza al PalaRavizza dei suoi parenti e inizia subito con due triple; dal 12-4 iniziale si arriva a fine quarto sul 25-17 per la Winterass, con un più che intenso Infanti che domina sui due lati del campo. Dario Gay sull’ultimo minuto si vede fischiati un fallo personale e un fallo tecnico, che però non abbattono il playmaker tortonese, che come suo solito si sbatte tanto in difesa e riparte con i suoi contropiede fulminei. La verve in attacco della Winterass caratterizza la seconda metà di gioco: Cardellini dispensa 10 assist per i compagni che puntualmente o dentro l’area o fuori dall’arco colpiscono. La Cistellum trova qualcosina in attacco da Malberti e dal nuovo acquisto Piantini ma spesso alterna buone soluzioni ad azioni troppo affrettate, che si ripercuotono poi nella metà campo difensiva. Parietti non è in partita come all’andata e le cose si fanno difficili nell’ultimo quarto, quando la Winterass prende il largo. Da segnalare una schiacciata devastante di Pavone sul finire del terzo quarto di gioco e un alley-oop alzato dal pesarese Cardellini a Davide Cristelli. Finisce 90-64, con 33 di valutazione per Pavone e 25 per Infanti. Prossimo impegno a Malnate (VA) contro Valceresio Arcisate, Domenica 29 Gennaio ore 18. Partita da vincere per proseguire spediti verso l’obiettivo stagionale.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

unnamed (1)
Dario Gay impegnato in palleggio contro Parietti. Ringraziamo Donato Albanesi(Studio G.Garbi) per la foto

TABELLINI Winterass Omnia Pavia – Cistellum Cislago

 

Winterass Omnia Pavia – Cistellum Cislago 90 – 64

Parziali: 25-17, 44-32, 67-52, 90-64

Winterass Omnia Pavia : Cardellini 4, Cugini 22, Pavone 22, Infanti 18, Zandalasini 5, Gay 5, Tava 5, Pairone ne, Campeggi 2, Cristelli 7. All. Celè

Cistellum Cislago : Parietti 1, Saibene 5, Eriforio 4, Malberti 13, Cattaneo 13, Tiengo 3, Vanzulli 8, Rimoldi 0, Meroni P. 5, Inoia Piantini 12, Monticelli 0. All. Sassi


Pavia Basket fa suo il secondo derby di campionato

Una gagliarda Pavia Basket, con molta voglia di rivincita dopo la sconfitta in Coppa Lombardia, vince anche il secondo derby di campionato 80-68. Piazza modifica le sue scelte rispetto alla domenica precedente, lasciando fuori per turnover Bialkowski e inserendo nel roster Sifford. Proprio l’energia del colored e il talento folle di Henderson sono le chiavi del successo dei rossoneri, apparsi più in palla dell’Omnia. I ragazzi di Celè vanno a sprazzi, iniziando col piglio giusto la partita ma poi soffrono l’intensità difensiva messa in campo dai rossoneri. Un arbitraggio con un metro non uniforme e lo show personale dell’ ex Ole Miss limitano ogni tentativo di rimonta dei biancoblù, che per troppo tempo devono rinunciare per falli a Pairone e al totem Pavone. Solo Cardellini e a momenti Cugini trovano qualche soluzione personale di qualità. Le percentuali di Verri non sono quelle della finale di Coppa e purtroppo dalla panchina Winterass giungono pochi punti. Per la seconda volta in una settimana il grande successo lo raccoglie il pubblico pavese del basket, accorso in grande numero per supportare la propria fazione cestistica. I 36 punti di Marshall Henderson segnano questo derby numero tre in stagione, stimolando quindi la Winterass a proseguire il buon lavoro fatto finora. La Winterass rimane seconda solitaria con quattro punti di vantaggio su Vigevano. La prossima Domenica 22/01 alle ore 18 vedrà la Cistellum Cislago ospite al PalaRavizza per la seconda giornata di ritorno di campionato; la squadra gialloblù viene da due vittorie consecutive e ha inserito di recente l’ex Omnia Piantini.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

unnamed (1)

unnamed (2)

TABELLINI Pavia Basket – Winterass Omnia Pavia

Pavia Basket – Winterass Omnia Pavia 80 – 68

Parziali 11-12, 33-26, 58-54

Pavia Basket : Verri 13, Fossati 3, Sifford 10, Ferri 2, Henderson 36, Filic ne, Barbero ne, Minoli 2, Degrada 10, Sanlorenzo 4, Pezzo ne. All. Piazza

Winterass Pavia : Pairone 10, Cardellini 14, Cugini 17, Pavone 8, Infanti 9, Gay 3, Zandalasini 4, Tava 0, Campeggi 0, Cristelli 3. All. Celè


CHE GIOIA! Winterass Omnia Pavia vince la Coppa Lombardia

Il risultato del terzo derby stagionale non può cancellare la gioia della vittoria della Coppa Lombardia. Una settimana importante, che ha portato ai ragazzi di Marco Celè a giocare e vincere la finale di Domenica 8 Gennaio. L’Omnia si è laureata campione superando dapprima Olginate, squadra del girone B, liquidata con più di cinquanta punti di scarto. La semifinale si è dimostrata molto ostica perché ha messo di fronte l’Omnia alla sua bestia nera, quella Milano3 che si esalta ogni volta che gioca contro la Winterass. Solo un risolutivo parziale nel finale e un Edoardo Tava decisivo al tiro, sbrogliano la pratica contro la squadra di Pugliese e così la finale della Coppa Lombardia ha visto affrontarsi proprio le due formazioni di Pavia, Edimes e Winterass proprio al PalaRavizza. Una finale con una cornice di pubblico importante, che non si vedeva da anni in via Treves. In lungo e in largo la Winterass è stata padrona del campo, concedendo pochissimo a un nervoso Henderson e mostrando un Cugini devastante. Una vittoria conquistata con un approccio perfetto alla gara, con Cardellini e Pairone che aggiungono la loro classe alla solita prestazione da gladiatore di Maurizio Pavone. Prima coppa conquistata dalla Winterass Omnia Basket Pavia, che fa incetta anche di premi personali. Lorenzo Cugini è stato eletto MVP della Coppa Lombardia ed Edoardo Tava è stato premiato come miglior giovane della competizione. Un trofeo importante per la formazione della presidentessa Berti, che chiude così un 2016 positivo e apre un 2017 che per forza di cose dovrà vedere protagonista questa squadra fino alla fine.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

unnamed - Copia


La compattezza della Winterass supera la verve di Milano3: è +6 sul terzo posto!

La squadra di Pugliese mette in seria difficoltà i pavesi, costringendoli ad una lunga e dura rimonta che culmina con il sorpasso nel terzo quarto. Già dai primi possessi di gara, i ragazzi in maglia biancorossa mostrano tutto il loro repertorio: difesa dura e ripartenze veloci in transizione, senza disdegnare il tiro da oltre l’arco. Infanti, dall’altra parte, tiene sempre a galla l’Omnia, che ha qualche momento di rilassatezza difensiva di troppo che non piace a coach Celè. Arioli e il solito Giocondo esaltano le giocate del quintetto milanese, che chiude il primo quarto 22-17. Complice anche l’assenza di Cugini, infortunato, l’attacco pavese non è fluido come al solito e si fatica a servire Pavone dentro l’area. Dall’altra parte del campo, viene concesso troppo e la Winterass si trova presto con problemi di falli (Pairone e Infanti su tutti), prediligendo soluzioni individuali. Milano3 trova canestri di pregevole fattura e si va all’intervallo con i padroni di casa avanti di 8 punti (39-31). Il coach pavese mischia le carte a sua disposizione e trova in Dario Gay e Cristelli le soluzioni per riaprire la contesa. Il veterano unisce 12 punti e 8 rimbalzi in 24 minuti e il playmaker di Tortona si erge a leader difensivo: il risultato è che l’Omnia mette la testa avanti, con i tiri dalla distanza del capitano Zandalasini. Pavone è costante sui due lati del campo e lotta come un leone sotto le plance, subendo falli e catturando rimbalzi. Il terzo parziale vede la Winterass concludere avanti di 2 punti (58-60) segnando quindi 29 punti in dieci minuti. L’ultimo quarto di gioco vede la resa definitiva dei padroni di casa, che esauriscono le energie e non riescono più a trovare il canestro grazie anche all’aumento dell’intensità difensiva di Pavia. Minuti importanti anche per Edoardo Tava, che ripaga il suo allenatore con una prestazione solida. Finisce 73 a 63 per la Winterass che consolida il secondo posto, mettendo 6 punti tra lei e il terzo posto e rimanendo a due di distanza da Pavia Basket. Nei prossimi giorni riprenderanno gli allenamenti in vista della Coppa Lombardia. Winterass Omnia Pavia sfiderà la NP Olginate il 6/1 alle ore 19 al PalaRavizza, ritrovandola dopo i Playoffs 2015-2016.

Buone feste natalizie e buon inizio di anno nuovo da tutta la Winterass Omnia Pavia!

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

unnamed
Buon pubblico pavese anche a Basiglio, dove l’Omnia ha vinto per la dodicesima volta consecutiva

TABELLINI Milano 3 Basket Basiglio – Winterass Omnia Basket Pavia

Milano 3 Basket Basiglio – Winterass Omnia Basket Pavia 63 – 73

Parziali 22-17, 39-31, 58-60

Milano 3 Basket Basiglio : Giocondo 15, Iacono 15, Soresina 2, Tandoi 15, Arioli 11, Sorrentino ne, Bianchi 0, Bonora ne, Mori ne, Colombo 5, Capella 0. All. Pugliese

Winterass Omnia Pavia : Zandalasini 13, Pairone 12, Cardellini 3, Pavone 10, Infanti 15, Gay 6, Tava 2, Campeggi 0, Cugini ne, Cristelli 12. All. Celè

unnamed (1)


TABELLINI Winterass Omnia Pavia – Virtus Cermenate

Winterass Omnia Pavia – Virtus Cermenate

Winterass Pavia: Gay 0, Zandalasini 13, Tava 2, Pairone 11, Campeggi 2, Cardellini 17, Cugini 6, Pavone 13, Cristelli 2, Infanti 15. All. Celè
Virtus Cermenate:

E si continua con l’undicesima…Winterass Pavia blinda il secondo posto
Complice un inizio non semplice, l’Omnia si trova subito sotto per 12-6 e sembra che gli ospiti abbiano più cattiveria della squadra di Marco Celè. Dopo il time-out, la squadra in maglia bianca reagisce e chiude il primo quarto di gioco sul 20-18, aiutata dalle conclusioni dalla distanza dei positivi Alessandro Infanti (15 alla fine per lui) e del capitano Zandalasini (13 con 3/4 dai 6,75 m). Il secondo periodo è tutto di marca pavese: un parziale di 7-0 indirizza la partita verso il 50-26 con cui si va all’intervallo. Cardellini, il solito Infanti e le certezze Pairone e Pavone si ergono a protagonisti assoluti, complice anche un Lorenzo Cugini a mezzo servizio. Solo Dario Gay non riesce a trovare il canestro nel garbage time finale, che permette allo staff di gestire al meglio le energie per i prossimi impegni. Finisce 81-48, con la Winterass che consolida il suo secondo posto, sfruttando il blitz di Pavia Basket in quel di Vigevano. Il girone di andata si concluderà con Sporting Milano3 Basiglio-Winterass Omnia Basket Pavia in programma Giovedì 22/12/2016 alle ore 21:15. Poi testa e gambe alla Coppa Lombardia, in programma a Pavia il weekend dell’Epifania (6-7-8 Gennaio 2017), evento che porterà al PalaRavizza le migliori 4 squadre dei due gironi di C Gold.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Basket Pavia

unnamed

unnamed (1)
Ringraziamo Paolo Fiorani del Club Orgoglio Pavese per le foto della partita


Anche con Nerviano non c’è storia.
Winterass conquista la decima vittoria consecutiva davanti al suo pubblico

La Winterass Omnia ne mette altri 97 in una settimana da cento punti di media e conquista per due giorni il primato in classifica. Alla fine del turno, Pavia Basket espugna Pall.Milano e si erge solitaria in testa ma coach Celè può stare tranquillo perché i suoi ragazzi, nell’anticipo di giovedì, hanno messo in mostra tutto il loro talento offensivo, non mettendo mai in dubbio l’esito della partita. Gli ospiti non ci stanno a fare la comparsa e iniziano forte in difesa, spronati dal loro fumante allenatore Morganti. Zandalasini chiude il primo quarto con tre liberi che fissano il punteggio sul 29 a 22 per Pavia. Un errore di Gay apre il contropiede per Nerviano che trasforma in tre punti (29-25, 11’). Pairone sprona i suoi anche con un recupero difensivo e segna cinque punti in fila. Infanti lo imita e in transizione colpisce la difesa di Nerviano (42-30, 13’). Inaspettatamente la partita si trasforma in un corri e tira che diventa spettacolare per il pubblico ma non per i due allenatori (61-48, 20’). Nella ripresa vengono fuori tutti i valori tecnici della Winterass: l’alley-oop alzato da Cardellini a Nico Pairone è l’azione più spettacolare della partita. Alla fine saranno 5 i giocatori in doppia cifra, con gli ospiti che calano l’attenzione in difesa e non riescono a trovare soluzioni alternative ai canestri di un positivo Corno. MVP della partita Nico Pairone insieme ad Alessandro Infanti, coppia che trova puntualmente le soluzioni giuste per risolvere la pratica. Finisce 97-76 per l’Omnia che attende la prossima settimana la Verga Vini Cermenate al Treves (18/12/16 ore 18) e chiuderà poi il 2016 sul campo dello SportingMilano 3 il 22 Dicembre alle ore 21:15.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

unnamed (2)

TABELLINI Winterass Omnia Pavia – Nervianese 1919

Winterass Omnia Pavia – Nervianese 1919
Parziali 29-22, 61-48, 81-58, 97-76

Winterass Pavia : Gay 6, Zandalasini 8, Tava 2, Pairone 18, Campeggi, Cardellini 11, Cugini 20, Pavone 13, Cristelli 2, Infanti 17. All. Celè
Nervianese 1919 : Gatto 8, Peroni 9, Guidi 5, Freri 9, Croci 10, Taini ne, Pelusi ne, Bandera 4, Frattini, Corno 19, Perego 2, Di Rauso 10. All. Morganti

unnamed (1)

INTERVISTA a Pairone a cura di Federico Deplano

La decima vittoria consecutiva della Winterass Pavia ha portato tranquillità e qualche giorno di riposo concesso da coach Celè. Tra i più brillanti in campo, c’è stato sicuramente Nicolas Pairone. Dopo la improvvisa morte del padre, avvenuta durante la prima giornata di campionato, ha messo a disposizione tutta la sua classe e esperienza, risultando fondamentale per gli equilibri della squadra della presidentessa Berti. Abbiamo voluto rivolgergli qualche domanda per conoscere meglio le sue abitudini e le sue passioni.

FD: “Ciao Nicolas, da quanti anni ormai sei in Italia? Eri a conoscenza della lunga tradizione di argentini presenti negli anni passati nelle squadra di Pavia?”

NP: “Sono arrivato in Italia nel 2009. Ho giocato la prima stagione a Macerata. Sinceramente non sapevo che a Pavia fossero passati così tanti giocatori argentini. Alcuni sono stati compagni di squadra in Argentina come Pablo Moldu’ o Mariano Cerutti. È bello aggiungere un altro “nome” alla tradizione!”

FD: “Ti sei fidanzato qui in Italia se non mi sbaglio. Quali difficoltà hai incontrato nei primi anni nel nostro paese? Cosa pensi del fatto che gli stranieri non possano giocare in un campionato come quello della Serie B?”

NP: “Con Camilla ci siamo conosciuti qui in Italia. Sinceramente non ho trovato grandi difficoltà. All’ inizio un po’ la lingua ma culturalmente siamo molto simili. Qui ho ritrovato alcune cose semplici che mi mancavano in Argentina. ll fatto di non poter giocare la B è un “problema” che purtroppo in questi anni non è stato affrontato. Diciamo che mi sono abituato all’ idea di non poterlo fare. Anche se il prossimo anno potrebbe cambiare la regola per il fatto di aver giocato 8 stagioni in Italia. Se fosse così, sarei molto orgoglioso di poterlo giocare! ”

FD: “Una striscia di dieci vittorie consecutive non è casuale. Cosa pensi sia stato fondamentale per raggiungerle?”

NP: ” Vincere 10 partite di fila non è una casualità, su questa cosa non ci possiamo nascondere. Penso sia il frutto di tutto il lavoro che stiamo facendo dall’inizio dell’ anno. Preparazione, allenamento e anche lo studio delle partite che fa lo staff tecnico. Tutto conta. Il gruppo è ottimo, dal più esperto al più giovane e ci si allena sempre al massimo. Essendo 10 giocatori che possono giocare, il livello degli allenamenti è molto alto. Quindi ogni giorno si migliora in qualcosa e ci conosciamo sempre di più. Dobbiamo continuare per questa strada senza accontentarci di quello che abbiamo fatto fin ora.”

FD: “L’ Argentina storicamente ha ed ha avuto una nazionale molto competitiva. Chi ti ha ispirato di più nel corso della tua crescita e a quali giocatori hai fatto riferimento?”

NP: ” Non mi sono mai ispirato a un giocatore in particolare. Sicuramente la mia generazione è stata segnata dalla famosa “generación dorada” con Ginobilli, Nocioni, Oberto, Scola, Pepe Sanchez ed altri… Sarà difficile avere un altra squadra come quella. Ovviamente ci sono i grandi giocatori NBA come Jordan o Kobe (sono anti lebron) che tutti adoriamo. Sono uno a cui piace guardare video di basket, anche quelli più datati per curiosità. Per vedere come è cambiato il gioco nel bene e nel male.”

FD: “Sei molto apprezzato dalla tifoseria sia per la tua duttilità tecnico-tattica che per la grinta che sfoderi in ogni partita. Cosa ti senti di dire ai tifosi dell’Omnia e che obiettivi hai in questa stagione?”

NP: ” Per primo mi fa molto piacere sapere che sono apprezzato e li ringrazio. Dopo quello che mi è successo a livello personale, se sono rimasto a Pavia ed ho voluto continuare con il progetto è proprio perchè ci credo. E perchè sono convinto che si sta lavorando bene. Il gruppo (squadra e società) ha gli stessi obiettivi. Quindi i tifosi possono stare tranquilli che in ogni partita daró il massimo. Ormai questa non è più una semplice stagione per me. In un modo o altro lascera’ il segno. Spero che sia in gran parte per aver ottenuto il nostro obiettivo principale.”

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Pavia

unnamed
Nicolas Pairone, ala, quarto della prima fila in blu


L’Opera continua…sono 9 in fila le vittorie Winterass!

Una frizzante e solida Pavia mette subito le cose in chiaro contro la Delta Line Opera e si porta già nel primo quarto sul +25 (8-33), frutto dell’ ottimo asse play-pivot Cardellini-Pavone che sembra funzionare sempre meglio. Se poi Opera aggiunge tante distrazione difensive, i tiratori della Winterass non vedono l’ora di colpire: al ’20 Pavia conduce 30-65 tirando 9/11 da tre punti. Una percentuale pazzesca, frutto della cooperazione del quintetto su entrambi i lati del campo. Cugini e Zandalasini non sbagliano mai oltre l’arco e l’infortunio di Galati per Opera complica ulteriormente l’impegno dei padroni di casa. Nel secondo tempo, ampio spazio anche a Tava e Campeggi. Velardo ci prova con determinazione sotto le plance ma Cardellini in soli 22 minuti trova 16 punti e 7 assist. Prestazione ottima da parte di tutti gli effettivi della Winterass, con coach Celè che può gestire nell’ultimo quarto le energie dei suoi ragazzi in vista dell’impegno casalingo di Giovedì 8 Dicembre alle ore 20:30 contro la Maleco Nerviano. Squadra milanese con ottimi elementi nelle sue fila, tra tutti spiccano il centro Di Rauso e il playmaker classe ’94 Gatto.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

TABELLINI Opera Basket Club – Winterass Omnia Pavia

Opera Basket Club – Winterass Omnia Pavia 68 – 103

Opera Basket Club : Cappellari Alberto 2, Galati 10, Gurioli 11, Velardo 14, Cappellari Andrea 11, Maffezzoli 5, De Francesco ne, Rao, Roppo 11, Vercesi, Botta 2, Daverio 2. All. Tritto

Winterass Pavia : Pairone 11 (3/4, 1/1), Cardellini 16 (4/6, 2/4), Cugini 23 (3/6, 5/6), Pavone 19 (8/11 da due), Infanti 6 (0/3, 2/3), Gay 5 (2/3, 0/3), Zandalasini 11 (1/1, 3/6), Tava 5 (1/2, 1/3), Campeggi 5 (1/1, 1/2), Cristelli 2 (0/2, 0/1). All. Celè

unnamed (4)
Cugini mette a segno una delle sue 5 triple

INTERVISTA a Cugini a cura di Federico Deplano

Per la nostra consueta rubrica settimanale, l’addetto stampa della Winterass Federico Deplano ha contattato l’ultimo arrivato: Lorenzo Ricardo Cugini. Nato a Stow in Ohio nell’Ottobre 1993, ha effettuato la preparazione atletica con la squadra svizzera del Sam Massagno; arrivato in sostituzione di Jordan Coleman, è sicuramente tra i giocatori più talentuosi passati per il campionato di Serie C Gold negli ultimi anni. In 5 presenze con la Winterass, mediamente segna quasi 21 punti a partita catturando 8 rimbalzi. Ci ha raccontato il suo rapporto con l’Italia e qualcosina riguardo un giocatore molto famoso dell’Ohio…

FD: “Ciao Lorenzo. I tuoi primi mesi in Italia sembrano essere molto positivi. Sei felice di essere qui a Pavia?”

LC: “Sì, sono molto felice di essere a Pavia. Sta andando molto bene finora e non vedo l’ora di vedere dove possiamo arrivare alla fine della stagione”

FD: “Come passi la giornata dopo gli allenamenti? Cosa ti piace di Pavia?”

LC: “Dopo gli allenamenti o in un giorno di riposo, mi piace camminare in centro e godermi la storia che Pavia ha da offrire. Amo i suoi negozi e anche il Duomo!”

FD: “Hai una tecnica di tiro quasi perfetta…da chi hai imparato a tirare? Quale aspetto del tuo gioco vorresti migliorare?

LC: “Quando ero giovane mi sono rotto il polso sinistro e ho dovuto girare con una mano sola per un mese. Mio padre mi ha insegnato come tirare correttamente con la mano destra. Vorrei continuare a migliorare la mia attenzione in fase difensiva e restare concentrato per tutta l’azione di gioco.”

FD: “Tu vieni da Akron, terra di un grande campione come Lebron James. Hai qualche curiosità da raccontarci su di lui?”

LC: “Lebron è un grande giocatore e anche un bravo ragazzo. E’ venuto spesso a fare allenamento con noi durante tutta la mia carriera di scuola superiore. E’ proprio come uno di noi, un ragazzo che ama il gioco del basket e ama divertirsi. Amava anche schiacciare regolarmente in testa ad ognuno di noi…”

FD: “Le tue origini italiane sono chiare. Cosa ti piacerebbe vedere nel nostro paese e quali sono i tuoi obiettivi con Winterass Pavia?”

LC: “Finora mi piace tutto dell’Italia. Il mio obiettivo a lungo termine con la Winterass Pavia è quello di vincere il campionato. Per ora stiamo lavorando duro giorno per giorno, concentrandoci su come migliorarci come squadra.”

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Pavia

unnamed (1)


La Winterass prosegue spedita la sua marcia: K.O anche Garbagnate
I ragazzi in maglia bianca soffrono relativamente poco per piegare una Garbagnate che vanifica la sua rimonta nel momento decisivo. Troppo netta la differenza di qualità tra gli elementi delle due squadre, anche se gli ospiti si appoggiano su un Allegri sempre più capocannoniere del girone. Solita partenza lanciata della Winterass che si porta sul 22-17 alla prima sirena, con protagonisti Pairone e Lorenzo Cugini. All’intervallo la forbice tra le due squadre si allarga (47-36 al 20′) grazie al 6/14 da tre punti e al solito contributo costante di Pavone e alla regia di un positivissimo Cardellini. Nel terzo quarto la squadra di casa tocca anche il +18 al 25′ (56-38), con l’ala americana dell’Ohio e il capitano Zandalasini che colpiscono da tre punti. Allegri sale in cattedra e riporta sotto gli ospiti, approfittando anche dell’antisportivo a Zandalasini e in collaborazione con Cappellotto (63 – 54, 29’). Allegri da tre tira da casa sua ma segna comunque in un finale di quarto intenso e incerto, dove Tedoldi da tre riporta sotto Garbagnate, prima del tocco da sotto di Cugini che segna il ventesimo punto (68 – 59). L’ultimo periodo è tutto della Winterass, che riesce ad allargare le maglie difensive della squadra di Marrapodi e si porta solitaria al secondo posto. Prossimo incontro Domenica 4 Dicembre a Opera contro la Delta Line Opera, squadra allenata dall’ex allenatore di Olginate Tritto.

MVP Mattia Cardellini, che guida la squadra nei momenti decisivi e ritrova pulizia al tiro e nelle sue scelte.


Federico Deplano
Addetto stampa Winterass Omnia Pavia

TABELLINI Winterass Omnia Pavia – O.S.L. Resistor Garbagnate

Winterass Omnia Pavia – Osl Resistor Garbagnate 86 – 68

Parziali 22-17, 47-36, 68-59, 86-68.

Winterass Omnia Pavia Pairone 10 (2/6, 2/3), Cardellini 17 (3/5, 2/5), Cugini 20 (5/6, 3/7), Pavone 9 (3/3 da due), Infanti 9 (3/6, 1/2) Gay 3 (0/3, 1/2), Zandalasini 12 (3/5, 1/1), Tava (0/1, 0/1), Campeggi, Cristelli 6 (3/4, 0/3). All. Celè

O.S.L. Resistor Garbagnate: Allegri 23, Arui 7, Cappellotto 6, Caffarra 4, Moretti 4, Tedoldi 9, Mangiapane 9, Tonella 4, Toia, Ripamonti 2. All. Marrapodi

omnia
I tifosi ringraziano la squadra dopo la vittoria nel derby contro Vigevano

INTERVISTA a Cardellini a cura di Federico Deplano

Dopo la vittoria contro Garbagnate , abbiamo voluto intervistare uno dei protagonisti assoluti dell’ultimo match. Il metronomo pesarese Mattia Cardellini guida in cabina di regia la Winterass Pavia, formando con Dario Gay una coppia giovane e ben assortita di playmaker. Ci ha raccontato un po’ di curiosità anche sulle sue origini, in una città dove il basket è quasi una religione…

FD: “Ciao Mattia, dopo l’ottava vittoria in fila direi che ci avete preso gusto. Da dove nasce questo filotto di vittorie?”

MC: “Sicuramente è frutto del lavoro fatto in settimana in palestra. Stiamo sempre più imparando a conoscerci e a giocare insieme.”

FD: “Ultimamente ti abbiamo visto un po’ arrabbiato con te stesso per non riuscire a fare canestro dal campo. Ti era mai capitato in carriera? Ieri sera e’ andata molto bene. Sei stato in pieno controllo sia della regia che delle tue capacità realizzative”

MC: “Ci sono sempre alti e bassi dal punto di visto realizzativo. Io comunque ho fiducia in me stesso, visto anche il lavoro che faccio giornalmente. Chiaro è che in una squadra come questa le soluzioni offensive sono tante e per me il primo compito è quello di gestire bene la squadra e mettere in ritmo i compagni.”

FD: “Pur essendo giovane, hai già accumulato molte presenze in Serie B. Che tipo di giocatore è Mattia Cardellini?”

MC: “Un giocatore a cui piace far giocare bene la squadra, visto anche il ruolo e che non si esime dal prendersi le sue responsabilità.”

FD: “Provieni da un vivaio molto florido. Quello della ex Scavolini Spar Pesaro. Chi sono stati i tuoi modelli di riferimento e a chi devi tanto?”

MC: “Sicuramente un settore giovanile importante dove fin da giovane impari a lavorare sodo. Uno degli allenatori che più mi ha insegnato è Giovanni Luminati con cui tuttora lavoro ogni estate. Da piccolo il mio idolo era mio zio (Matteo Malaventura) che spero prima o poi di battere in una partita ufficiale. Crescendo poi però ho cercato punti di riferimento nel mio ruolo e oggi i miei giocatori preferiti sono Chris Paul e Spanoulis.”

FD: “Come ti stai trovando a Pavia? Hai consigli da dare ai tifosi dell’Omnia?”

MC: “Per ora la mia esperienza a Pavia è piuttosto positiva, mi trovo bene sia con la società, con lo staff che con i compagni. Spero che questa serie di vittorie e l’impegno che ci stiamo mettendo portino sempre più pavesi al palazzo, perché l’unico consiglio che posso dare è quello di farsi sentire sempre di più!”

unnamed (2)


Il Derby è nostro: la Winterass espugna il PalaBasletta

Nonostante un inizio deficitario e una coppia arbitrale che troppo spesso si fa influenzare dal clima caldo creato dai padroni di casa, la Winterass, nella ripresa, dà una svolta alla propria partita e mostra un basket di categoria superiore, che le permettono di vincere il derby per 68-77. L’inizio è tutto di stampo gialloblù, con Pavia che non riesce a fare arrivare palla nell’area e che si vede respinta molte conclusioni dall’arco. Venturelli domina in attacco, arrivando a segnare una tripla da 9 metri che porta Vigevano sul 24-12 a fine primo quarto. Sul finale di secondo quarto, la Winterass piazza un buon mini break, che le permette di essere sotto solo di 11 punti (38-27) nonostante il 3/12 dall’arco. Questo buon finale di quarto fa ritrovare gli stimoli giusti ai ragazzi di coach Celè, che cominciano a crederci veramente: Pavone inizia a combattere come suo solito e Gay rileva Cardellini: con 2 triple del ragazzo di Tortona e una di Cugini, Pavia mette la testa avanti e chiude il quarto sul 51-53. Il quarto quarto inizia con una tripla siderale di Pairone e il contropiede di Dario Gay che portano l’Omnia sul +7. L’ennesimo fallo tecnico contro Pavia e una tripla di Mossi riportano i ducali a meno due ma la reazione è grandiosa e avviene dietro l’arco: un’altra tripla di Cugini, una di Gay e una penetrazione di Cardellini fanno scappare Pavia sul +10. Mancano tre minuti e mezzo: tre punti ai liberi per Venturelli, che nel possesso seguente concretizza da tre, in angolo 66-70. Mossi va in lunetta: 2/2. Attacco dell’Omnia che si chiude dopo un rimbalzo offensivo con la bomba dell’MVP Gay, cui fa seguito un 1/2 di Pavone. Vigevano non trova più la via del canestro. Sulla sirena, ancora Gay fissa il punteggio sul 68-77. Grande vittoria su un campo difficilissimo da violare, con la squadra per la prima volta al completo in tutti i suoi effettivi. 5 uomini in doppia cifra. MVP per intensità e classe nelle giocate decisive il playmaker Dario Gay.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

TABELLINI Nuova Pall. Vigevano 1955 – Winterass Omnia Pavia

Nuova Pall. Vigevano 1955 – Winterass Omnia Pavia 68 – 77
Parziali 24-12, 38-27, 51-52, 68-77

Nuova Pall. Vigevano 1955: Grugnetti 9, Pontisso 0, Appendini 0, Strotz 9, Venturelli 24, Mossi 12, Frontini 4, Torriani ne, Pozzi 10, Pavanello ne. All. Bianchi

Winterass Omnia Pavia: Zandalasini 0 (0/3,0/1), Cardellini 10 (4/6, 0/2), Cugini 12 (3/8, 2/6), Pavone 13 (5/6 da due), Infanti 14 (1/8, 4/8), Gay 18 (1/2, 5/6), Tava ne, Pairone 8 (1/6, 2/3), Campeggi ne, Cristelli 2 (1/1, 0/1), Rochlitzer ne. All. Celè

0mniaBasket_

INTERVISTA a Dario Gay a cura di Federico Deplano

Il nostro addetto stampa Federico Deplano ha rivolto qualche domanda al playmaker classe ’96 Dario Gay, che ha ben iniziato questa prima parte di stagione in maglia Winterass, integrandosi perfettamente con il compagno di regia Mattia Cardellini. Tortonese DOC, è stato grande protagonista del derby vinto contro Vigevano con 18 pti, frutto di 5/6 da dietro l’arco dei tre punti.

Federico Deplano: “Dario, ennesima grande prestazione da parte tua e della Winterass ieri sera a Vigevano. Come giudichi questo tuo inizio?”
Dario Gay: “Ho cominciato la stagione nel migliore dei modi, sono molto contento di come sta andando la squadra e della fiducia che il coach e lo staff mi hanno dato sin dal primo giorno. Siamo una squadra molto unita sia dentro che fuori dal campo e con molta voglia di lavorare e fare bene. Credo che anche questo mi aiuti nel gioco.”
Federico Deplano: “Provieni dal florido vivaio della Orsi Tortona. Quali sono i tuoi obiettivi a breve termine e anche in un futuro più lontano?”
Dario Gay: “Sicuramente il mio obiettivo principale è quello di fare bene quest anno e di provare a vincere il più possibile. Il mio obiettivo a lungo termine è quello di poter giocare ad alti livelli e magari anche tornare un giorno a giocare nella mia città.”
Federico Deplano: “Hai un fratello altrettanto talentuoso che gioca a basket come te. Da dove nasce la vostra passione e a che giocatore ti ispiri?”
Dario Gay: “Nostro papà sin da quando eravamo piccoli ci portava a vedere tutte le partite del Derthona, sia in casa che in trasferta. Devo molto alla mia famiglia che mi ha sempre sostenuto e devo molto a tutta la società di Tortona. Non ho un giocatore in particolare al quale mi ispiro… In ogni partita che vedo cerco sempre di guardare i movimenti, le scelte e le letture che fanno i giocatori e poi cerco di farle mie in qualche modo.”
Federico Deplano: “Quando riprenderete il lavoro settimanale? Cosa vi porterete dietro per il futuro dopo questo derby vinto in rimonta?”
Dario Gay: “Da martedì ricomincia a lavorare, non dobbiamo montarci la testa, perché fino ad ora non abbiamo ancora fatto nulla.”
Federico Deplano: Sei un idolo dei ragazzini e dei tifosi. Complimenti anche per l’atteggiamento che riesci a sfoderare in ogni partita. Cosa ti senti di dire ai tifosi dell’Omnia Pavia?
Dario Gay: “Ai tifosi della Winterrass voglio dire di venire il più possibile a sostenerci, perché, non sembra, ma il loro supporto è molto importante! Forza OMNIA!”
Potete seguirlo su Instagram @dariogay10

gay


Troppa Winterass per Pall.Milano: si può preparare al meglio il derby con Vigevano

La squadra in maglia bianca capitanata da un grande Zandalasini (18 punti alla fine con 5 su 7 da tre) liquida dopo già cinque minuti di gara gli avversari della Pall.Milano 1958, giunta al Treves senza due giocatori tra cui il principale realizzatore Riccardo Bazzoli. L’ inizio di gara è tutto di Maurizio Pavone: dopo sei minuti di gara, è già a quota 10 punti. Si sbatte per i compagni e piace per la semplicità con cui gioca. La difesa di Pall.Milano non è pervenuta e la Winterass si esalta: la palla scorre veloce, tutti prendono ottimi tiri e il risultato è 50-33 al 20’. Pairone è ovunque, corre e recupera palloni; elegante e duttile, si mette a disposizione della squadra, risultando il migliore in campo insieme al già citato centro astigiano. Celè ruota tutti i suoi uomini, in vista della partita del PalaBasletta contro Vigevano ma cambiando gli addendi il risultato non cambia: se Pairone e Pavone non colpiscono, ci pensa Andrea Zandalasini con le sue triple. Troppo importanti le defezioni in casa Pall.Milano 1958, che prova a rimanere in partita affidandosi a un troppo impreciso Bosio, che chiuderà con 7/21 dal campo. Nell’ultimo periodo c’è gioia anche per Edoardo Tava e Niccolò Savini, classe 2000 che mette a segno il suo primo tentativo dalla lunga distanza. Finisce 84-56, con importanti minuti concessi a chi finora aveva giocato meno. In previsione di una settimana di allenamento che porterà al durissimo e sentitissimo derby contro Vigevano di Domenica 20 Novembre al PalaBasletta alle ore 18.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

TABELLINI Winterass Omnia Basket Pavia – Pallacanestro Milano

Winterass Omnia Basket Pavia – Pallacanestro Milano 84 – 56
Parziali 27-14, 50-33, 68-46, 84-56

Winterass Pavia: Zandalasini 18 (1/3, 5/7), Pairone 20 (8/14 da due), Cardellini 6 (1/2, 0/1), Pavone 17 (7/11 da due), Infanti 9 (2/6, 1/3), Gay 3 (0/2, 1/3), Tava 2(1/2, 0/2), Savini 3 (1/1 da tre), Campeggi 4 (2/2, 0/1), Cristelli 2 (1/4, 0/1). All. Cele’

Pallacanestro Milano: Perego 10, Reali 0, Bosio 20, Bertoglio 12, Belotti G. 10, Cattaneo T. 0, Soldati 0, Pizzul 0, Magnaghi 0, Sacchetti 0, Pezzati 0, Cattaneo M.4. All. D. Cattaneo

INTERVISTA alla Presidentessa Berti a cura di Federico Deplano

La famiglia Perruchon è da molti anni presente nella pallacanestro pavese. Oltre a Giovanni Perruchon, figura carismatica dell’Omnia, in passato anche arbitro nazionale e uomo di alta competenza cestistica, c’è sua moglie Daniela Berti. Vera e propria presidentessa tuttofare, insieme alle figlie Ilaria e Silvia si occupa di tutto ciò che riguarda il mondo della nuova Winterass Pavia e che ha riguardato l’Omnia Basket negli anni precedenti. Questa settimana, il nostro addetto stampa Federico Deplano le ha rivolto qualche domanda riguardo il buon inizio di stagione della squadra e non solo…

FD: “ Presidentessa buonasera. Rispetto agli scorsi anni, la squadra si è arricchita di un GM molto importante a livello nazionale come GianMarco Bianchi. Come prosegue il vostro lavoro? Siete contenti delle scelte fatte in estate?”
DB: “ Si, certo! Finalmente siamo riusciti ad allargare la “base” della società che finora poggiava esclusivamente su di noi. Imparare a delegare a chi ha più esperienza di noi è essenziale e di sicuro Gian Marco di esperienza ne ha da vendere, come ha dimostrato con le scelte fatte finora.”
FD: “La vostra passione familiare per il basket nasce molti anni fa. Da Casteggio se non erro e ha coinvolto anche le sue figlie.”
DB: “In realtà nasce molto prima, con mio marito nel ruolo di allenatore di una squadra di ragazzine, una delle quali ero io. Erano gli anni ’75-‘80. E’ una passione che è cresciuta e si è trasmessa anche alle nostre tre figlie, ed è anche un modo per trascorrere del tempo insieme.”
FD: “ Cosa le piacerebbe migliorare nei prossimi anni? Il coinvolgimento di HYC è stato sicuramente un grande segnale per il movimento cestistico locale.”
DB: “Sarebbe bello allargare a nuovi collaboratori e all’arrivo di forze “fresche”. Il movimento giovanile HYC indica che in città c’è voglia di basket. I nostri giocatori possono diventare lo stimolo giusto da imitare per i ragazzi e le ragazze che iniziano con il basket.”
FD: “Ogni presidente ha delle preferenze nella propria squadra. Chi l’ha colpita in particolare tra i nuovi acquisti e con chi ha un rapporto più speciale?”
DB: “Non li conosco ancora tutti bene, certo apprezzo molto chi si impegna al massimo e dà tutto in ogni partita. Mi piace il clima che si respira in squadra, anche durante gli allenamenti; i ragazzi danno l’impressione di stare bene tra loro e di divertirsi. Credo che questo sia importante. Come dirigenza facciamo di tutto perchè si trovino a loro agio, non a caso manteniamo buoni rapporti con tutti, anche quando non giocano più da noi.”
FD: “È contenta della crescita continua del pubblico del PalaRavizza? Quali sono gli obiettivi stagionali di questa Winterass e che consigli può dare anche ai tifosi? Grazie.”
DB: “Sicuramente dà molta soddisfazione vedere che il pubblico inizia ad appassionarsi e a seguirci con costanza. Speriamo che i risultati sul campo spingano sempre più persone ad affollare il palazzetto e a tifare per la Winterass Omnia Basket. Se lo scorso anno il nostro obiettivo era la salvezza, quest’anno le nostre ambizioni sono cresciute. La promozione in B sarebbe il coronamento di un sogno, quindi tutto il nostro impegno è puntato alla sua realizzazione. Chiediamo quindi ai nostri tifosi di sostenere la squadra, facendole sentire tutto il loro calore!”

fusione1


Winterass Pavia fa 5 in campionato! Vittoria esterna sul campo di Mortara!

La Winterass Omnia Pavia sfodera la migliore prestazione stagionale proprio nella prima ostica trasferta contro una delle avversarie designate per i playoff. E’ la Expo Inox Mortara a non riuscire a trovare soluzioni alternative per fronteggiare i ragazzi di coach Celè, quantomai chirurgici per tutti i quaranta minuti. Sono così cinque le vittorie consecutive e cinque uomini vanno in doppia cifra. Hanno una grinta spaventosa i ragazzi in maglia blu, che entrano determinati sul parquet e chiudono il primo quarto avanti 23-15, con Nico Pairone che piazza subito due canestri dalla lunga distanza. Pavone è limitato dai falli troppo presto, che sono già 3 all’intervallo. Ma è devastante quando è in campo, si sbatte e lotta con intensità. Il montenegrino Jovic non riesce a trovare le contromisure difensive ai pivot dell’Omnia. Quando manca il centro di Nizza Monferrato subentra Cristelli. E la partita si arricchisce di spettacolo, perché Davide sfodera la migliore prestazione stagionale. Saranno 11 i suoi punti, conditi da 6 assist e 6 rimbalzi per un 22 di valutazione finale. Mortara non riesce ad impensierire quasi mai il quintetto pavese, ma ci prova con le penetrazioni di Cattaneo e i tiri dalla media di Kam. Funziona al meglio la tattica preparata dallo staff tecnico Winterass per limitare Boffini, più volte dominante in questo inizio di stagione. Cardellini è il metronomo e Infanti insieme a Zandalasini colpiscono più volte, anche spalle a canestro. Il canestro da centrocampo del sempre più positivo Gay è solo l’ultimo segnale di una partita perfetta, giocata con grinta e determinazione da tutta la squadra. Il prossimo impegno casalingo sarà Domenica 13 Novembre alle 18 al PalaRavizza di Pavia contro la Pall.Milano 1958, gruppo molto solido che ha in Bazzoli e Bosio i principali realizzatori.

Federico Deplano
Addetto Stampa Winterass Omnia Pavia

TABELLINI Basket Team Battaglia – Winterass Omnia Basket Pavia

Basket Team Battaglia – Winterass Omnia Basket Pavia 65 – 83

Parziali 15-23, 32-45, 48-69, 65-83.

Basket Team Battaglia: Mezza ne, Bossi 6, Boffini 5, Invernizzi ne, Cattaneo N. 15, Jovic 14, Reali 3, Brandini 6, Ferretti 4, Kam 12. All. Zanellati

Winterass Pavia: Gay 6 (2/4 da tre), Zandalasini 13 (2/4, 3/5), Tava 0 (0/1 da tre), Savini 0, Infanti 13 (4/8, 0/3), Campeggi 3 (1/1, 0/1), Pairone 16 (5/8, 2/5), Cardellini 15 (5/8, 1/4), Pavone 6 (3/4 da due), Cristelli 11 (4/5, 1/1). All. Celè

INTERVISTA a Davide Cristelli a cura di Federico Deplano

Tra i protagonisti del grande avvio di stagione della Winterass Pavia c’è il pivot Davide Cristelli. Per ben 5 volte ha vestito maglie di formazioni pavesi e con la sua esperienza cestistica si è messo a disposizione del gruppo di Marco Celè. Lo ha intervistato per Mabedo l’addetto stampa Winterass Federico Deplano.

FD: “Davide, dopo una preparazione atletica un po’ tribulata per te si iniziano ad intravedere le cose che hai sempre portato alle squadre in cui sei stato: fisicità difensiva e capacità di leggere le situazioni. Come ti stai trovando con coach Celè?”
DC: “In estate abbiamo lavorato parecchio,quasi come una squadra professionista sia in quantità che in qualità e questo è merito sicuramente di Teto Tomarchio, un preparatore atletico da Serie A che si è messo a nostra disposizione con grande dedizione e etica lavorativa. Sapevo che il lavoro con coach Cele’ avrebbe dato i suoi frutti a lungo termine sia individualmente che di squadra; penso che stiano venendo fuori pian piano i valori dei singoli giocatori che lui ha scelto per la sua idea di squadra”
FD: “Sabato avete domato sin dal primo quarto una squadra che non aveva ancora perso tra le mura amiche. Ogni partita sembrate trovarvi sempre meglio. A cosa attribuisci questi progressi?”
DC: “Penso che i risultati che stanno arrivando siano da attribuire alla buonissima qualità degli allenamenti che facciamo durante la settimana. Ogni giorno in allenamento essendo dieci giocatori in grado di essere sempre decisivi, il livello di qualità degli allenamenti è alto sotto ogni punto di vista. Ci si allena con grande intensità, perché ognuno di noi in allenamento ha un pariruolo altrettanto forte da affrontare. Penso che questo sia il nostro segreto”
FD: “Cosa ti ha fatto accettare ancora una volta la corte di Pavia? Quali sono i fattori che hai considerato per scegliere le squadre nella tua carriera?”
DC: “Ho scelto Pavia perché penso di essere un po’ pavese in fondo. Amo la città e la sua gente. Sto bene qui,il progetto è interessante e soprattutto a lungo termine. Spero mi coinvolga anche quando smetterò di giocare.”
FD: “Vorrei sapere cosa ne pensi della presenza dei giocatori americani nei campionati minors. Alzano il livello e l’interesse generale per i gironi oppure tolgono spazio ai giovani italiani?”
DC: “Ho sempre pensato che lo sport sia meritocratico; si gioca se lo si merita, se ci si impegna e si lavora duro. Giovane o vecchio che sia, italiano o americano; quindi ben vengano gli americani se sono forti, ben vengano i giovani se hanno talento. Solo il campo dice sempre la verità su chi deve meritare di giocare oppure no.”
FD: “La tua carriera da giocatore sta giungendo al termine ma sappiamo che hai già da tempo intrapreso delle esperienze da allenatore. Quali consigli dai ai tuoi bimbi in primis e cosa hai insegnato ai tuoi under della Winterass?”
DC: “Si, alleno da tre anni. A loro cerco soprattutto di insegnare ciò che ho imparato io da giovane grazie agli ottimi allenatori che ho avuto. Lavorare ogni giorno su ogni singolo aspetto, sia tecnico che tattico e soprattutto caratteriale. Voglio che siano delle spugne nell’assorbire ogni genere di esperienza, sia in campo che fuori. Non posso che parlare bene dei miei under in squadra, soprattutto per l’attitudine al lavoro che hanno. Sono super. Il consiglio che gli do sempre è di imparare anche dagli avversari, studiandoli nei movimenti e in quello che fanno in campo. Può essere utile loro nel processo di maturazione per quando non saranno più under.”
FD: “Vuoi dire qualcosa ai tifosi della Winterass Omnia Pavia? Hai qualche obiettivo a breve termine che vuoi raggiungere?”
DC: ” Il mio obiettivo è vincere domenica prossima contro Pall. Milano 1958. Ringrazio in primis i tifosi per quello che hanno fatto e stanno facendo e gli lancio una sfida. Nessuno più di me sa di cosa sono capaci i ragazzi della tribunetta. Ecco, voglio vedere al più presto quella tribunetta gremita perché questa squadra lo merita. Fidatevi, se sbaglierò a fine anno offrirò da bere a tutto il Club dell’Orgoglio Pavese!!!”

cristelli


TABELLINI Winterass Pavia – Robur Saronno

Winterass Omnia Basket Pavia – Robur Saronno 82 – 77
Parziali 18-14, 37-35, 56-48, 82-77.

Winterass Pavia: Zandalasini 14 (2/5,3/7) , Pairone 8 (4/8, 0/2), Cardellini 15 (2/4, 1/8), Pavone 13 (5/6 da due), Infanti 20 (5/9, 2/6), Gay 2 (1/2, 0/3), Tava 0 (0/2 da tre) , Campeggi 0 (0/1 da due), Cristelli 10 (2/5, 1/1), Savini ne. All. Celè

Robur Saronno: Furlanetto 6, Zennaro 10, Cacciani 18, Leva 6, Tagliabue 2, Piermattei 8, Pasinato ne, Fiore 0, Gurioli 18, Guffanti 0, Di Meco 9. All. Crugnola

L’Omnia infila la quarta vittoria consecutiva: una buona Saronno non basta per avere la meglio sulla squadra di coach Celè. Un’ altra prestazione di squadra, con Infanti che segna 20 punti, tutti in momenti cruciali e Cristelli che sfodera una prestazione di cuore e qualità. Con Pavone e il ritrovato Nico Pairone, Pavia fa sentire i suoi chili e la sua esperienza sotto le plance. Dall’altra parte i ragazzi di Crugnola rimangono sempre in partita grazie alle qualità individuali di Gurioli e Cacciani. Zandalasini trova i tanto sospirati punti anche oltre l’arco, Pavone aggiunge solidità a rimbalzo, catturandone 11. La partita si decide a tre minuti dal termine: dopo il vantaggio 56-55 di Saronno, Zandalasini e Infanti colpiscono dai 6,75 m e Pavone mette a segno un gioco da tre punti. Saronno cerca di trovare qualche occasione per rientrare con i falli sistematici, ma l’Omnia ha messo la freccia decisiva: è vittoria 82-77, con Cardellini che rimpingua il suo tabellino dalla lunetta. Saronno rimane fanalino di coda, sebbene si siano visti segnali positivi. Winterass Pavia segue le capolista Pavia Basket e Vigevano, prime a quota 10. Prossima trasferta a Mortara, a casa di un’ interessante squadra che sta facendo bene. Sabato 5 Novembre alle ore 21.

INTERVISTA ad Alessandro Infanti a cura di Federico Deplano

Il prescelto di questa settimana per l’intervista settimanale del nostro addetto stampa Federico Deplano è la guardia Alessandro Infanti. Giocatore di esperienza e carisma, ha calcato parquet importanti nella sua carriera (Fabriano, Avellino in A1 e Pistoia tra i tanti). Quest’anno è alla Winterass, con obiettivi importanti e una grande voglia di rivalsa personale.

FD:”Alessandro complimenti per il tuo inizio di stagione: non ti scopriamo quest’anno ma il tuo contributo in questa Winterass è fondamentale. Dico bene?”
AI: “Grazie per i complimenti; mi fanno piacere perché rimettersi in pista dopo mesi non è facile ma ci sto provando da Agosto. Sono venuto alla Winterass per portare la mia esperienza a disposizione del gruppo”
FD:”Come ti sei ambientato a Pavia? La partita di ieri contro Saronno e’ stata dura: loro hanno combattuto fino all’ultimo, voi però avete gestito bene il finale. Come ti trovi a gestire un alto numero di possessi offensivi?”
AI: “A Pavia mi sono subito ambientato bene. Mi piace la città e la sua grande varietà storica; tutto è a misura d’ uomo. Parlando della partita con Saronno, sono stati bravi loro a non mollare mai; d’altronde dopo 4 sconfitte consecutive, ci aspettavamo che non si arrendessero. Noi dobbiamo migliorare sul mantenimento dei vantaggi, perché ancora abbiamo dei momenti di black out che sul finale ci fanno sudare freddo. Ho buoni possessi in attacco ma abbiamo giocatori che possono fare canestro e tante alternative, il segreto è colpire il punto dove gli avversari fanno più fatica.”
FD:”Personalmente ti faccio i complimenti per l’umiltà con cui ti sei calato nella realtà Winterass. Sei stato in molte piazze cestistiche importanti e dopo un anno da cancellare sei tornato alla grande. Quali i sono i tuoi obiettivi a breve termine?”
AI: “Grazie per il complimento; credo che ogni sportivo ne debba avere. E’ fondamentale. A breve termine vorrei raggiungere la Coppa Lombardia perché confrontarsi con le migliori squadre ti permette di crescere ancora.”
FD:”La squadra sembra molto unita. Anche nei momenti di difficoltà, con la difesa e due triple mortifere avete chiuso la gara a vostro favore.”
AI:”Si, la squadra è unita e composta da brave persone e questo è determinante per il gruppo. Siamo riusciti a motivarci, a darci consigli e fare i canestri pesanti sul finale. È importante comunicare sul campo.”
FD: “Saluta i tifosi della Winterass e presenta la trasferta di Mortara”
AI: “Saluto tutti i tifosi Winterass che ho visto molto numerosi e x noi fa molto piacere! Ora in settimana prepareremo la trasferta a Mortara, squadra con un trio di giocatori di livello. Andremo a giocarcela, sempre carichi!”

IMG_1362_1


TABELLINI 7 Laghi Gazzada – Winterass Pavia

7 Laghi Gazzada Schianno Basket – Winterass Omnia Pavia 73 – 74
Parziali 17-21, 40-37, 60-49, 73-74

7 Laghi Gazzada Schianno: Passerini 15 (4/8, 1/4), Angiolini 9 (1/3, 2/6), Somaschini 1, Moraghi 16 (7/10, 0/1) Terzaghi 9 (0/3, 0/8), Bologna ne, Vescovi 3 (1/1 da tre), Lenotti 0, Dejace 13 (4/7, 1/2), Hamadi 7 (2/2, 1/4), Syku ne, Mattiolo ne. All. Zambelli

Winterass Pavia: Zandalasini 6(3/7 da due), Cardellini 10 (2/5,2/7), Cugini 24 (6/13,4/7), Pavone 6 (1/1 da due), Infanti 0, Savini ne, Gay 17 (4/6, 3/6), Tava 10 (1/1, 2/3), Campeggi 1, Cristelli 0. All. Celè

Una gagliarda Winterass Omnia Pavia espugna Gazzada dopo una partita incerta fino all’ultima azione. I ragazzi di coach Celè (espulso nel terzo quarto per proteste), hanno onorato alla grande l’impegno, rimanendo sempre a contatto con i padroni di casa, operando i sorpassi decisivi nel quarto quarto. Pavia gioca tutta la partita senza Infanti, che si infortuna alla schiena durante la prima azione e senza Pairone, che rientrera’ in settimana. Inizio scintillante di partita per Cugini: l’ala americana mette a segno i primi 11 punti dei 15 della Winterass e chiuderà a quota 24 con 14 rimbalzi catturati. La verve di Dejace (Gaz) e i suoi 7 punti consecutivi permettono a Gazzada di rientrare all’intervallo lungo sul 43-40, anche grazie alle assistenze del 43enne ex di turno Angiolini, che chiuderà con ben 9 assist la sua partita. Il playmaker dei varesini mette a segno anche due triple pesanti nel terzo periodo, che portano prima Gazzada a +6 e poi serve a Passerini il +11. È qui che coach Celè esagera nelle proteste e viene espulso. Ma la squadra ha una reazione veemente: Cardellini segna il primo canestro dal campo nell’ultimo parziale, dopo diversi errori e insieme agli ispiratissimi Tava e Gay costruisce un parziale di 2-15, che dà a Pavia un vantaggio di due punti. Nel finale di gara i canestri dei playmaker pavesi pesano come macigni ma Terzaghi ha in mano due liberi per vincere la gara: entrambi vengono respinti dal ferro e l’Omnia ottiene una vittoria di squadra, tanto sofferta quanto meritata su un campo difficile da violare. Il prossimo impegno casalingo della Winterass sarà Domenica 30 Ottobre alle ore 18 contro la Robur Saronno dell’ex Omnia Piermattei e ex Pavia Furlanetto.

INTERVISTA ad Andrea Zandalasini a cura di Federico Deplano

Andrea Zandalasini, ala e capitano della Winterass Pavia, è il protagonista dell’intervista settimanale proposta dal nostro addetto stampa Federico Deplano.

FD:”Ciao Andrea, innanzitutto traccia un breve bilancio di questi primi due mesi con la Winterass.”
AZ: “Sono stati mesi molto intensi, abbiamo lavorato tanto dal punto di vista fisico per arrivare pronti all’inizio del campionato. Il derby con Pavia Basket ha rappresentato un esordio complicato, soprattutto per un gruppo nuovo come il nostro, che presentava anche delle assenze. Da lì in poi, il gruppo è cresciuto e ha affrontato gli impegni successivi con ottimo spirito.”
FD: “Personalmente le tue cifre si sono ridimensionate rispetto allo scorso anno: le priorità rimangono sempre i risultati della squadra?”
AZ: “Certo, l’obiettivo è ben chiaro. Possiamo contare su tanti giocatori e sacrificarci l’uno per l’altro; per quanto mi riguarda spero di migliorare l’ apporto alla squadra nel caso ce ne fosse bisogno”
FD: ” Sei un giocatore molto tecnico e preciso, ci sono altri aspetti del tuo gioco che vorresti migliorare? Da chi hai appreso la tua tecnica di tiro?”
AZ: “Vorrei cercare di migliorare il mio gioco vicino a canestro anche se quest’anno ho ritrovato il mio ruolo reale da esterno. Anni di giovanili e tanto lavoro con Giuseppe Zucconi mi hanno permesso di perfezionare il tiro”
FD: “La partita di Gazzada è stata vinta da tutta la squadra, anche da coach Cele’, che è stato persino espulso per proteste. Cos’è scattato in voi giocatori dopo quell’episodio del terzo quarto?
AZ: “La vittoria è stata utile per rafforzare ancor di più il gruppo. Dopo un buon inizio abbiamo avuto una flessione e il loro secondo quintetto ci ha messi in difficoltà. L’espulsione del nostro allenatore e i giovani Tava e Gay che hanno messo tanta intensità e segnato canestri decisivi, sono stati fondamentali nella rimonta”
FD: “Ci sono state molte novità in questi mesi e sei stato scelto come capitano della Winterass. Vuoi parlarci del rapporto che ti lega ormai con l’Omnia e il suo staff?”
AZ: “Un rapporto speciale, è il quarto anno consecutivo che sono con Omnia e con Celè ho vinto anche due campionati. Sono molto legato a Paolo Censurini e al presidente Perruchon e alla sua famiglia, che hanno fatto tanto per fare crescere questa realtà. Quest’anno il progetto è molto ambizioso e cercheremo di riportare Pavia al livello che le compete”
FD: “Quanto sei legato a tua sorella Cecilia? Cosa le vorresti augurare e cosa speri che possa portare con sé di ciò che le hai insegnato?”
AZ: “Abbiamo condiviso molto: dal canestro di casa fino agli 1 vs 1 in cortile. Sono molto orgoglioso di lei, è stato bello vedere crescere il suo talento giorno dopo giorno. Spero che possa realizzare tutti i suoi sogni e che non si accontenti mai. Ha un potenziale incredibile e seguo sempre le sue partite”
FD: “Saluta liberamente i tuoi tifosi Winterass e Here You Can che ti seguono con affetto”
AZ: “Sono molto contento che quest’anno ci siano molte più persone al palazzetto e questo merito va a Here You Can e ai suoi bambini, che sono molto importanti per noi e per il movimento cestistico. Creare delle giovanili con vera passione è uno dei nostri obiettivi primari”

IMG_1397_1



GIORNALINO N°1

g_1.2

GIORNALINO N°2

g_2.1

GIORNALINO N°3

giornalino3

GIORNALINO N°4

giornalino4

GIORNALINO N°5

giornalino5

GIORNALINO N°6

giornalino6